Archivio Tag: Web Marketing

e-commerce-internazionali
dic 11

Si parla sempre di più di web marketing internazionale e non c’è ombra di dubbio che il mercato tenda all’internazionalizzazione. Gli e-commerce ma anche i siti per fare leads generation, di fatto nascono per essere internazionali e vendere ovunque, a qualsiasi ora del giorno e della notte. I confini diventano più piccoli e le aziende cercano sempre nuovi sbocchi poichè i mercati nazionali stagnano sempre di più. L’internazionalizzazione delle imprese è frutto di volontà, strategia e idee. Forse per alcuni sta diventando addirittura un passaggio obbligato.

Marketing Informatico® fornisce ai propri clienti quindici anni d’esperienza nell’affrontare i mercati internazionali sia per il Business to Business, sia per il Businses to Consumer. Ovviamente con delle differenze di strategia.

Se come dirigente o imprenditore anche tu ti poni domande del tipo:
- Come vendere all’estero?
- Qual è la strategia migliore di marketing internazionale?
- Come faccio ad internazionalizzare i miei prodotti o servizi?
- Vendo ad altre aziende quindi non voglio un e-commerce come faccio a trovare clienti nuovi?
- Vendo online tramite un Ecommerce ma come faccio ad aumentare il venduto?

 

QUESTI I SERVIZI CHE FORNIAMO PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE

1) Consulenza Web Marketing e Magento Commerce

Prima di qualsiasi attività operativa web marketing è necessario fare una fotografia dell’azienda, comprendere il valore aggiunto e portarlo all’estero. Serve in pratica “ragionare a livello marketing”. Solo dopo possiamo pensare a mettere in atto i nostri propositi. Spesso il brand è forte in Italia e sconosciuto all’estero. Quindi?

Marketing Informatico, dal 2006 fornisce consulenza strategica internazionale, formazione ai dipendenti e progetti operativi alle aziende italiane che hanno necessità di esportare prodotti e servizi.

L’esperienza è iniziata con una consulenza per dare visibilità ad un e-commerce nel motore di ricerca russo Yandex. Si trattava di aumentare le vendite e la visibilitò di un azienda italiana specializzata in macchine alimentari nel mercato russo. L’esperienza è poi proseguita per altri clienti (b2c e b2b) nei mercati a lingua spagnola, inglese, tedesca, francese, giapponese.

La consulenza che forniamo la suddividiamo in:

  • marketing: analisi del mercato online, analisi predittiva, business model canvas
  • web marketing: strategie (come e dove investire i budget), operativo (attività di PPC, SEO, Mail Marketing, Social Media Marketing, ecc.)
  • tecnologica: produzione di E-commerce Magento per la vendita online e di Siti WordPress per la generazione di contatti di clienti poteziali
  • programmazione: per l’integrazione di Magento con ERP o gestionali, market place, ecc.
  • hosting, housing e cloud: ovvero tutti i servizi sistemistici grazie ad una server farm di proprietà e ad accordi con partner internazionalei
  • intelligenza artificiale: con un prodotto virtuale che ha simula una commessa reale negli ecommerce, con chatbot per realizzare attività di marketing avanzato in Facebook

 

2) La formazione per il team interno

Per quanto concerne invece le attività di formazione il primo progetto formativo è nato nel 2008 in collaborazione con la Camera di Commercio di San Marino grazie ad un ciclo di tre appuntamenti dal titolo Club Estero 2.0, durante i quali sono stati presentati studi e approfondimenti sul web marketing internazionale, sulla leads generation e sugli e-commerce internazionali.

Dopo 10 anni da quell’attività, il programma formativo sull’estero, divulgato attraverso molte camere di Commercio e Assoform, tende ad insegnare:
1) le migliori strategie di web marketing: dalla scelta del dominio al posizionamento nei motori di ricerca, passando per Social Network e attività multicanale;
2) a costruire un E-Commerce internazionale per lo sviluppo delle vendite online
3) a realizzare Landing Page specifiche per generare contatti di clienti potenziali in tutto il mondo.

La vendita all’estero è difficile, anche quando si tratta di seguire i programmi di affiliazione di aziende quali Amazon, o le attività di visibilità tramite Google Shopping. La vendita internazionale ha delle regole ben definite e anche svariate alternative. Ad esempio la scelta di un dominio unico o domini geografici nazionali è importante perchè impatta sui bias cognitivi delle persone. Ogni categoria merceologica poi ha delle “abitudini”, dei linguaggi, dei colori. Ma le stessa cosa capita anche in ogni nazione. Esistono sfumature di bianco che noi italiani non conosciamo, modi di dire, prodotti e servizi che si vendono e prodotti e servizi invendibili nelle altre nazioni.

 

3) L’operatività internazionale

Il marketing internazionale ha delle regole. Dopo aver progettato la strategia è necessario passare ai fatti. Ad esempio un e-commerce può avere prodotti e categorie diverse a seconda della nazione in cui vende i propri prodotti. Si possono usare immagini diverse, valute, diverse, iva, trasporto ecc.

Sono davvero tante le cose da tenere in considerazione. Non basta il Google Translate per fare internazionalizzazione.

Marketing Informatico® è da tempo focalizzata sui temi del web marketing internazionale ai tempi del web. Siamo consci che il rapporto con l’estero possa essere sviluppato, non solo con una presenza fisica, ma anche grazie al web, che permette in tempo reale di contattare nuovi clienti, instaurare relazioni giornaliere, fare campagne promozionali, ottenere visibilità grazie ad un buon posizionamento nei motori di ricerca con lo scopo, ultimo ma naturale, di  aumentare il proprio fatturato.

Varcare i confini nazionali è possibile: con strategie web marketing mirate e una conoscenza approfondita del mercato, ogni azione di internazionalizzazione on line può rivelarsi vincente e davvero efficace per lo sviluppo aziendale.

Interessato ai mercati internazionali? Chiamaci.

Se sei interessato ad adottare i principi del web marketing internazionale per il tuo e-commerce internazionale o a  strategie di internazionalizzazione per aumentare i contatti di clienti potenziali chiama il numero verde 800 031945

dati-ecommerce-2019
nov 28

E-Commerce: Dati e Previsioni in Italia per il 2019

Prendi un’azienda con clienti E-Commerce in Italia che fatturano da 100 mila a 12 milioni online e che vendono nel mondo. Analizza i trend delle vendite online di tutti i clienti. Verifica cosa è successo ai loro siti nel 2017 e 2018 in termini di statistiche, indici di conversione e dati vari presi non solo dalle analytics ma anche dai loro ERP o gestionali e prevedi le tendenze! Cosa ci diranno le statistiche e-commerce del 2019?

Questi gli obiettivi che ci siamo dati visto che siamo a fine novembre, il black friday è già passato e stiamo volando all’ultimo grande evento delle vendite on e offline: il Natale. Tempo di analisi dati, tempo di analisi predittive, vale a dire: tempo di previsioni di vendita degli e-commerce nel 2019. Cosa succederà?

Il Made in Italy è un brand potente. Peccato che gli imprenditori continuano a guardare il mondo dallo specchietto retrovisore perché secondo i dati di Casaleggio, tanto per citarne uno o di Roberto (Liscia) del Netcomm gli spazi sul web ci sono e sono straordinari. Le crescite ogni anno a due cifre. Negli USA il valore delle vendite online ha superato il valore delle vendite offline e Amazon USA ha superato il 50% delle vendite online complessive.
Prima di parlare di statistiche e-commerce nel 2019, analizziamo i dati dell’anno in corso.

Cosa è successo nel 2018?

Intanto quest’anno in occasione di fiere ed business match ho incontrato i responsabili marketing di molti brand famosi. Mentre io parlavo d’Intelligenza Artificiale, di Digibot, di software che fanno i personal shopper, a casa italia ci chiediamo ancora se sia il caso d’investire, gli imprenditori chiedono un ROI entro il primo anno e complessivamente abbiamo completamente perso di vista gli obiettivi.

Nel frattempo il primo quarter di Adidas e gli acquisti di moda italiana sono saliti del 28%, con un 65% dovuto all’export. Sto parlando di Moda un settore nel quale un tempo non ci credeva nessuno tranne pochi illuminati. Guardando i valori in Borsa e confrontando i ricavi attesi la classifica dei big è: Asos, Zalando Ynap (Yoox Net a Porter), Showroomprive.

Nel beauty l’incidenza degli acquisti via app è raddoppiata in un anno: siamo al  24%. Ma ci sono ancora brand (anche fra i nostri clienti) che non credono nelle app ma, sempre a dimostrare che in Italia siamo strani, noi abbiamo un ottimo case history di un cliente la cui app, in un anno, è stata scaricata da 60.000 utenti. Lo shopping online della cosmetica è cresciuto di oltre il 25%. Sono 4,7 milioni gli utenti stimati, che saliranno al 17,2% entro fine anno. Gli uomini sono responsabili del 50,5% degli acquisti dei 323 milioni di euro spesi online.
Solo due anni fa invece oltre il 65% degli acquisti era effettuato da un pubblico donna.
In questo settore si è capito che la parole d’ordine (o la frase chiave) è: integrazione fra offline e online. Strano! ;-)

Nell’arredamento le vendite online sono pari a 900 milioni di euro secondo le ultime stime rilasciate dal Politecnico+Netcomm. Tasso di penetrazione del 5% ed è cresciuto del 31%. Certo 900 milioni sono pochi rispetto ai 4 miliardi dell’informatica/elettronica, o ai 2,5 miliardi di euro dell’abbigliamento.

Turismo: l’Italia è la nazione più cercata nel web ma la quinta destinazione dopo Francia, Usa, Spagna e Cina. L’88% dei turisti italiani cerca informazioni pre viaggio. L’82% prenota o acquista online. 55,3 miliardi di euro sono il totale di transato di cui il 20% è completamente digitale.

Infine Groocery, ristorazione ed enogastronomia che sono ancora il nostro fanalino di coda rispetto agli stranieri hanno registrato un +37%. Il mercato valeva 812 milioni di euro. Si può sicuramente fare meglio anche se l’Italia è un po’ terra di conquista per il food delivery. Foodora, Glovo, Just Eat, Deliveroo, Uber Eats al momento la fanno da padrona.

Dati E-Commerce Italia 2019: le mie previsioni

Ovviamente i dati Ecommerce del 2019 non li abbiamo. Io mi aspetto almeno un +15%. Ti spiego il perché!
In Italia conosciamo le parole chiave che decreteranno le vendite del prossimo anno. Nel fashion: personalizzazione e click & collect. Nel food: delivery, logistica, click & collect. Nell’arredamento: consegna e assortimento. Nel beauty: personalizzazione e fragranze. Nel turismo: intelligenza artificiale, vacanze esperienziali, motori di comparazione, all inclusive.

Poi si parla di Geoblocking, l’armonizzazione dell’Iva, il dynnamic pricing, quello adottato dalle compagnie aeree low cost. Mi aspetto ad esempio che i tedeschi o gli olandesi comprino dai siti italiani dove costa meno. Mi aspetto che i prezzi dinamici e l’analisi dei prezzi della concorrenza tramite algoritmi e automatismi possano avere un forte impatto sulle vendite. Più persone comprano e si abituano e più compreranno.

Parliamo di dati ee-commerce 2019 in Italia e di vendite. Ho analizzato le statistiche di numerose aziende anche quest’anno. Faccio degli esempi: strumenti come Google Flights e Skyscanner per le compagnie aeree hanno indici di conversioni superiori al 10/15% Negli oligopoli come i parcheggi aeroportuali i tassi di conversione sono impressionanti rispetto all’elettronica di consumo o alla vendita dei libri. In alcuni casi superiori al 25%.

Certo se tutti vendiamo le stesse cose, con gli stessi tempi di consegna, alle stesse condizioni, con gli stessi gateway di pagamento allora il valore aggiunto sarà sempre il prezzo. In Italia pochi conoscono il marketing. Ieri in treno un mio vicino di posto spiegava ad un militare (il motivo non lo so) le basi del marketing. Io stavo progettando un nuovo sito. Mi sono fermato ad ascoltare la lezione gratuita. Questo consulente (con tanta tanta esperienza) diceva e pensava le stesse cose che pensa un qualsiasi consulente marketing: non ci sono vendite se non hai un piano strategico. Inutile piangere sui dati, il web marketing non esiste se prima non hai pensato al marketing.

Vuoi aumentare i tassi di conversione?

La user Experience ti dice qualcosa? I testi che descrivono i prodotti? I commenti dei clienti hanno provato il prodotto e offrono gratuitamente i consigli per gli acquisti? Hai mai visto cosa fa Amazon? Hai mai usato Booking? Mentre tu stai guardando la tua camera d’Hotel contemporaneamente un tizio sta guardando proprio ciò che stai guardando tu e qualche minuto fa qualcuno ha appena confermato per la stessa località. Robert Cialdini ti dice nulla? Non ti viene l’ansia? Ma nel tuo sito caro produttore l’ansia non viene perché è un miracolo quando fai 50 pacchi al giorno. Perché?

Faccio formazione per Assoform, per numerose Camere di Commercio Italiane, entro in decine di aziende ogni anno. Quando parlo di programmazione mentale le persone non sanno di cosa parlo. Se spiego l’analisi predittiva mi guardano come se fossi un marziano, quando racconto l’esperienza di quel piccolo negozio della provincia che vende online 12 milioni di €uro all’anno strabuzzano gli occhi.

Le mie previsioni per il 2019 sono facili: + 15% di vendita, molti siti e-commerce in crisi per mancanza d’identità, valori e strategie. La leva non può essere solo il prezzo. Siamo arretrati, il modello dell’e-commerce è sbagliato in Italia. Guardiamo al Regno Unito, alla Francia, alla Germania. Se vogliamo esportare dobbiamo prima imparare ed essere forti in Italia. Poi esporteremo il Made In Italy e moltiplicheremo le vendite. Il Commercio elettronico inglese è pari all’8% de PIL. In Cina è il 5,8%. In Spagna 2,7. Siamo come India e Turchia: in Italia il dato dell’ecommerce rispetto al PIL è solo dell’1,6%. Non possiamo far altro che crescere.

7-cambiamenti-content-marketing
lug 15

L’ascesa del Content Marketing è abbastanza recente ma già si profilano i futuri cambiamenti di queso tipo di attività promozionale a causa del continuo mutare delle abitudini degli utenti.

7-cambiamenti-content-marketingGià diverse volte abbiamo parlato su questo blog dell’importanza del content marketing e del suo crescente sviluppo negli ultimi mesi (anche in tv).
Solo gli stolti possono negare che questa forma di web marketing sia altamente più efficace e persuasiva dei noiosi banner (i quali in larghissima parte vengono cliccati solo per sbaglio dagli utenti).

Il blog di Jeff Bullas – che recentemente è stato nominato l’influencer più importante al mondo nel 2015 riguardo al content marketing – spiega in maniera puntuale come la materia sia in costante evoluzione e quali saranno i 7 cambiamenti che il content marketing subirà nei prossimi mesi:

  1. Gli utenti che si collegano da mobile diventeranno prioritari. Partendo dal presupposto che sicuramente avrete già ottimizzato il vostro sito, quello che davvero cambia è la modalità di pensare i contenuti per mobile. Giusto due esempi: sì a utilizzare tanti tanti contenuti visual e ad interagire col testo “strisciando col dito” invece che cliccando.
  2. Il contenuto visual sarà più importante che mai. Il motivo? Semplice: è quello che gli utenti vogliono. E apprezzano. E col quale interagiscono.
  3. Il contenuto è sempre più personalizzato, in altre parole potremmo dire: autoprodotto e ideato specificatamente per il vostro pubblico e il vostro target.
  4. Anche il collaborative marketing diverrà popolare: non tutte le aziende sono propense a questo tipo di collaborazione, ma quando lo fanno, funziona benissimo.
  5. Le aziende investiranno sempre di più nel content marketing. Quando era un tentativo quasi a costo zero e senza risultati certi, in tante si sono buttate nei social, nei blog, nell’email marketing, ed hanno visto che funziona! Quindi, per non buttare all’aria il lavoro fatto, dovranno continuare a destinare fondi  a quello che adesso è diventato un investimento provato.
  6. Il contenuto diverrà sempre più condensato, cliccabile e interattivo. Questo si ricollega al punto 1 , ma vale anche per gli utenti da pc fisso.
  7. Gli strumenti di analisi statistica saranno letteralmente hot, non perchè diventeranno più sexy, ma perchè più lo schermo si rimpicciolisce, più lo studio delle mappe di calore diventa interessante.

Il fermento del web marketing nella sue interezza è ormai indiscutibile e l’efficacia del content marketing è dimostrata dai numeri, oltre che dalle belle parole degli esperti online. Bisogna sempre tener presente, però, che anche per fare business con i contenuti bisogna determinare con precisione gli obiettivi e stabilire una strategia, altrimenti il content marketing rischia di trasformarsi in mera condivisione di belle foto o retweet di simpatici video senza un filo logico.

Fonte:
A CURA DI / PRESS OFFICE
———————————–
Verena Guidi

Ufficio Stampa Marketing Informatico

ott 30

Come funziona Yandex il motore di ricerca Russo? Cosa fanno le persone quando scelgono un hotel online? I commenti su Facebook influenzano Google? Quali azioni fare per il migliorare il brand su Trip Advisor?

In una Nazione come l’Italia che vive e si nutre da sempre del fattore turismo, ma particolarmente in una regione come l’Emilia Romagna con la sua rinomata riviera, la formazione dei professionisti e degli operatori del settore turistico, dovrebbe essere al quanto elevata, soprattutto in termini di web & social media marketing.

La scuola superiore dei Lions Clubs “Maurizio Panti”, organizza un corso di “Web Marketing per il Turismo”, progetto “Formazione Continua” 2013-2014 destinato a gestori di strutture ricettive, ristoranti, agenzie, tour operator, organizzazioni di promozione turistica, studenti universitari e ad operanti nel settore della comunicazione turistica.

L’intervento formativo si pone l’obiettivo di creare e migliorare le competenze dei partecipanti per:

 

  • l’analisi del proprio contesto competitivo e di mercato;
  • la progettazione di una strategia di social media marketing finalizzata a catturare l’attenzione e fidelizzare le relazioni con il mercato;
  • l’implementazione e la gestione di una efficace e corretta relazione evoluta online tra azienda e turisti.

Attraverso la collaborazione e partecipazione in aula di noti esperti del settore, quali la Dott. ssa Lara Badioli, Dott. Gianfranco De Gregorio, Prof. Michele Martoni, Dott. Danilo Pontone, Dott. Robi Veltroni, Dott. Lorenzo Succi, Dott. Massimo Tegon (di Marketing Informatico) e il responsabile didattico Dott. Franco Bompani, potrete interagire e confrontarvi in maniera diretta con loro durante le ore di formazione.

Il corso è diviso in due moduli, dal marketing classico al web marketing e i social network per il turismo.

MARKETING INFORMATICO venerdì 15 novembre 2013

Nella seconda lezione, Venerdì 15 novembre dalle 15.00 alle 18.00, Massimo Tegon di Marketing Informatico, tratterà l’argomento SEO e SEM : come costruire un sito internet ottimale per le aziende turistiche.

Questa lezione darà nozioni utili ad ottenere visibilità online, nazionale e internazionale, utilizzando i meccanismi classici di ricerca nei motori quali, Google, Yandex (Russo), Yahoo e Bing. Seguendo alla lettera i suoi consigli i partecipanti potranno, in modo autonomo, ottimizzare, posizionare e promuovere il proprio sito internet in modo ottimale, attraverso le keyword “più performanti e azzeccate”.

ott 9

Jesi, Ancona 25 ottobre Seminario Gratuito a numero chiuso.

Sei un imprenditore, un Direttore Commerciale, un Responsabile Marketing?
Hai necessità di aumentare le vendite in Italia o all’estero?
Computer Plus organizza con Marketing Informatico un incontro gratuito dedicato alle aziende marchigiane e fornire suggerimenti pratici ed esempi di strategie commerciali di successo applicate alle PMI.
I POSTI SONO LIMITATISSIMI: Prenota subito al 0731 214634 (9-12.30 15.30-19.30)
L’incontro si svolgerà a Jesi in Viale della Vittoria 8/a, dalle 10 alle 13 il 25 ottobre 2012

I TEMI DEL SEMINARIO GRATUITO

Ci sono TRE tipi di imprenditori, di imprese e di responsabili commerciali e marketing:

  1. Quelli che credono nell’opportunità della crisi e del cambiamento
    E si stanno guardando intorno per scoprire nuove opportunità i Italia, all’estero e online.
  2. quelli che si sono fermati perché non sanno come fronteggiare l’emergenza
    Vedono che il business cala e non sanno davvero come fare perché non comprendono la portata del cambiamento e stanno aspettando che qualcosa di positivo accada.
  3. Quelli che sono già al lavoro e stanno sfruttando il nuovo business
    E in questo caso le loro aziende sono già al lavoro online: guadagnano nuovi clienti sfruttando la debolezza dei loro concorrenti.

In tutti i casi sarà utile comprendere, grazie a questo workshop gratuito, quali sono i numeri (aggiornati a quest’anno) e le tendenze dei mercati online/offline, quali sono le difficoltà, quali sono le opportunità e sopratutto verificare in modo tangibile e con casi concreti quali sono le cose che funzionano.

Se ti stai quindi chiedendo anche tu come utilizzare a tuo vantaggio non solo FACEBOOK ma tutti i social network, se ti stai domandando come funzionano i meccanismi di VENDITA ONLINE, se hai la necessità di aumentare le vendite e trovare nuovi clienti business in Italia o all’estero attraverso il WEB MARKETING questo workshop è stato realizzato proprio per te.

Il SEMINARIO è tenuto da:

Giorgio Bignozzi, direttore Tecnico e Socio Amministratore di Marketing Informatico srl. Da 20 anni si occupa di progetti di informatica di tipo complesso è stato direttore commerciale di importante aziende italiane specializzate in progetti software, System Integration, ERP SAP. Esperto e appassionato di tecnologia, di Social Network e di App.


massimo tegonMassimo Tegon direttore Marketing e Socio Amministratore di Marketing Informatico srl. Esperto di Web Marketing Strategico. Dal 1986 si occupa di pubblicità, comunicazione, marketing e vendite. E’ specializzato in attività di new business. Appassionato di motori di ricerca e in particolare di attività SEO, di psicologia cognitiva, di neuromarketing e di PNL.


lorenzo succiLorenzo Succi Direttore UniRimini S.p.a. è stato Docente di Marketing, a contratto, presso l’Università di Bologna. Promuove le attività di Marketing Universitario per i Poli della Romagna. Fomatore per CC Pisa, CC San Marino. Da oltre 10 anni si occupa di Marketing e Strategie d’impresa.

MARKETING INFORMATICO:
Collaboriamo/abbiamo collaborato nelle attività formative di: Università della Calabria, Università di Bologna, Camera di Commercio di San Marino, Camera di Commercio di Pisa, Fondazione Aldini Valeriani, Camera di Commercio di Torino, Camera di Commercio di Modena, Camera di Commercio di Verbania, con più di 2.000 partecipanti.

Vedi anche: Corsi e Netcomm Rimini

set 27

25 ottobre Corso di Social Network per il Business presso Camera di Commercio di ModenaMarketing Informatico, in collaborazione con Promec, società della Camera di Commercio di Modena, che si occupa di promozione internazionale per piccole o medie imprese, organizza il 25 ottobre a Modena, il corso di formazione: “Il Social Network per il Business”.

Una giornata dedicata allo studio dei Social Network e del ruolo fondamentale che rivestono nella gestione aziendale. A partire da casistiche reali esperti del web marketing, analizzeranno il mondo dei social network, dando consigli e suggerimenti per la gestione dei profili aziendali sul web.

Ecco il programma del corso social media marketing.

Al giorno d’oggi la pagina su Twitter, il profilo aziendale su Facebook, la conoscenza e l’utilizzo del nuovo social di Google, Google Plus, sono prerogative importanti e imprescindibili per un’azienda, che aiutano ad aumentare la visibilità del brand, creando un filo diretto e continuo con i clienti. Un nuovo modo per aumentare il fatturato!

D’altra parte i social sono canali interessanti per chi sta entrando nel mondo del lavoro o vuole sfruttare il meccanismo “virale” online per promuovere la propria idea/progetto indipendente.

Ad esempio affronteremo come utilizzare LinkedIn e come creare correttamente un’efficace attività di “seeding”.

Per informazioni riguardo costi e orari del corso, per iscrizioni è necessario rivolgersi al responsabile di PROMEC  Dott. Franco Di Marzio, al numero: 059 20.83.59.

ago 31

Marketing Informatico, in collaborazione con Marketing Informatico Bologna (Cronomedia), organizza il 21 e 22 Settembre, presso il Millenn Hotel (Via Boldrini 4, Bologna) , il corso “E-Commerce Strategie di Vendita Online”.

Due giornate interamente dedicate al commercio elettronico, durante le quali si prenderanno in esame argomenti come la realizzazione un e-commerce, quali analisi fare, come controllare i concorrenti, quali sono i modi migliori per promuoverlo, ecc.
A partire da casistiche reali, gli esperti analizzeranno il mondo delle vendite online, dando consigli e suggerimenti per la gestione degli e-commerce.

La prima giornata prevede l’analisi del settore di riferimento, la scelta della migliore soluzione per qualsiasi tipo di portale di commercio elettronico e lo studio delle regole fondamentali di un progetto di successo.
Durante la seconda giornata, invece, verranno prese in esame le tecniche di promozione dell’e-commerce attraverso gli strumenti del web marketing: le campagne AdWords, Mail Marketing, Article Marketing, i motori di comparazione prezzi, tutti mezzi utili per aumentare le vendite e rendere visibile sui motori di ricerca il proprio sito.

Il corso è rivolto a tutte le aziende che già operano online e che vogliono aumentare il loro fatturato, e a tutte le aziende che sono intenzionate ad aprire il loro negozio online.

Il corso è tenuto da Dario Tana e Massimo Tegon, rispettivamente esperto di e-commerce ed esperto di web marketing, entrambi con esperienza che ha un’esperienza quindicennale di gestione interna di siti di commercio elettronico di medie e grandi dimensioni e promozione di portali online. Saranno presentate case history ed esempi concreti.


Per confermare la tua presenza
al corso ti invitiamo a seguire questo link: Corso di E-Commerce Bologna

Per qualsiasi informazione in merito ti invitiamo a contattarci telefonicamente al Numero Verde 800.031.945 e chiedere del Dott. D’Emilio Cristian.


I relatori:


Dario Tana è un analista programmatore e responsabile dei progetti e-commerce di Marketing Informatico. E’ un esperto di commercio elettronico che da 15 anni si occupa di seguire progetti di successo. Ha effettuato diversi seminari in Italia e a San Marino sullo stato del commercio elettronico. Fra le aziende che ha seguito Giacomelli Sport, Oliviero e, attualmente Electronics, Gruppo Euronics di San Marino. Inoltre ha collaborato con Promozione Alberghiera Rimini, Apse Camera di Commercio di San Marino e Accademia Informatica Rimini.
Massimo Tegon socio Amministratore di Marketing Informatico esperto di Web Marketing Strategico. Dal 1986 si occupa di pubblicità, comunicazione, marketing, consulente e formatore è direttore marketing di Marketing Informatico. Specializzato nell’area new business e in attività SEO. Segue i cliente direzionali e lavora con Saeco Philips, Solo Affitti, Pinguino Viaggi,Lavapiù Miele, Bose, Mokador, Prink.
ago 24

PREMESSA di Massimo Tegon
FOLGORATO DAGLI STUDI DEL NEURO MARKETING PUBBLICHERO’ UNA
SERIE DI ARTICOLI DEDICATI ALL’USO DELLE NEURO SCIENZE PER IL WEB.

[PRIMA PUNTATA: le basi del Neuro Marketing]

Noi riteniamo di essere persone razionali e che le nostre decisioni siano il frutto di attente calibrazioni. In verità il sito web che scegliamo di visitare, ciò che decidiamo di fare mentre lo visitiamo (ad esempio iscriverci ad una news letter), e il nostro comportamento relativo ad un acquisto (in caso di E-Commerce) sono tutte decisioni e azioni che prendiamo in maniera ampiamente inconscia. Si comperiamo senza sapere razionalmente il perché!

Martin Lindstrom ha pubblicato il primo libro dedicato ad una nuova scienza: il Neuro Marketing. Nel suo libro più famoso ha descritto in quale modo le aree del nostro cervello “s’illuminano” quando siamo sottoposti alla comunicazione pubblicitaria. Perchè non utilizzare gli stessi principi, in accordo con gli studi pratici di Robert Cialdini, per disegnare il tuo sito internet altamente persuasivo?

Non so se lo sai ma la maggior parte delle nostre decisioni e azioni sono basate su emozioni  e su “attivatori automatici” che regolano la nostra vita e ai quali reagiamo sulla base degli stimoli indotti da quanto vediamo apparire in un sito web, dai colori che troviamo nel sito, dalle nostre esperienze pregresse e dalla simbologia utilizzata. Il sito “accende il nostro cervello!

Così come tutte le nostre esperienze, anche la nostra vita sul Web è quindi influenzata da  pensieri inconsci e da azioni che sono controllati da diverse parti del nostro cervello.

Il Cervello Umano
Della conformazione del nostro cervello ne aveva già parlato la nostra Psicologa Alice Pari in questo articolo: I 3 cervelli del web. Ma per tua comodità sintetizzo il concetto dei tre cervelli dell’uomo. In pratica esistono:

  • Un Cervello antico (old brain)
  • Un Cervello intermedio (middle brain)
  • Un Cervello recente (new brain)

emozioneIl cervello rettile o antico si chiama così in quanto riteniamo che sia stato il primo a svilupparsi. Si preoccupa della nostra sopravvivenza: presta una costante attenzione all’ambiente che ci circonda, decidendo che cosa è sicuro e che cosa non lo è.
Il cervello intermedio
è il luogo in cui vengono elaborate le emozioni e quello che ci fa percepire la realtà. È anche all’origine di gran parte dei nostri acquisti impulsivi.
Il cervello recente
, o corteccia, è la struttura più nuova (da un punto di vista evoluzionistico). Il linguaggio, la lettura, suonare la musica, ascoltarla, pensare,  pianificare: sono tutte cose fatte con il cervello recente.La parte di elaborazione cerebrale di cui siamo coscienti avviene nel cervello recente.

I nostri corpi e le parti del cervello che ci governano sono inestricabilmente connessi con le aree cerebrali che regolano le emozioni e con quelle che gestiscono il pensiero cosciente e il ragionamento. Si tratta di sistemi cerebrali separati, ma che lavorano tutti assieme. I nostri sentimenti e i nostri ragionamenti sono influenzati dai nostri movimenti fisici.

Noi tutti riteniamo che mente e corpo sono separati, ma in realtà i dati ci dimostrano che non tutto ciò non è vero! Antonio Damasio chiama questa separazione fra mente e corpo “l’errore di Cartesio” .

Oltre alle tre parti del cervello un ruolo fondamentale è anche svolto dall’amigdala in quanto è la parte del cervello deputata alla regolazione delle emozioni. E nella vendita, così come nell’acquisto le emozioni giocano un ruolo fondamentale tant’è che ultimamente si parla anche di marketing emozionale.

Nel cervello accadono molte cose senza che lo sappiamo . Ciò che ci rende umani è il fatto che abbiamo appunto 3 cervelli, ma poiché conosciamo solo a le attività di cui siamo consapevoli riteniamo (senza ragione) che sia la parte razionale sia la più importante. Le elaborazioni del cervello intermedio (le emozioni) e dei cervello antico (le funzioni automatiche) avvengono per lo più inconsciamente. Tuttavia il nostro comportamento è influenzato fortemente dalle altre due parti del cervello ed è di questo che dobbiamo tenere conto quando prepariamo una pagina web.

Che cosa significa ciò?

Significa che noi riteniamo di decidere in maniera consapevole come agire e che cosa fare, ma in realtà la maggior parte delle nostre decisioni e del nostro comportamento è governata da processi inconsapevoli. In effetti, non siamo nemmeno in grado di distinguere esattamente ciò che facciamo consapevolmente da ciò che facciamo in modo inconscio.

[I processi cognitivi automatici sono come degli automi interni che ci aiutano a navigare in un ambiente complesso e sfaccettato, sezionandolo in parti più facilmente e digeribili. Essi […] possono così liberare da molti carichi le nostre assai limitate capacità consapevoli.”
Ran R. Hassin (Hassin, 2005) ]

Che cosa ci induce a fare clic. Dunque?

NeuromarketingLa maggior parte dei siti web che funzionano bene sono pensati con uno scopo preciso. Chi possiede il sito desidera fortemente influenzare i visitatori. Pertanto è necessario che il fornitore del sito non solo conosca molto bene la psicologia e il funzionamento del cervello ma anche l’usabilità del sito, le modalità con le quali le persone accedono alla pagina, cosa guardano, le possibili esche interattive e gli approcci generali alla pagina.

Ogni pagina di ogni sito dovrebbe contenere una Most Desired Action o comportamento-obiettivo. Ad esempio compilare il form dell’iscrizione ad una newsletter. Come facciamo ad ottenere dal navigatore proprio quel comportamento? Ad esempio utilizzando il principio delle esche interattive.  Come facciamo a convincere a comprare, registrarsi, donare e fare click? Sapendo esattamente cosa induce le persone a fare quel click o ad avere quel comportamento. Sapendo come utilizzare le tecniche di persuasione del web marketing.
La maggior parte dei comportamenti e delle decisioni non sono coscienti, perciò sappiamo che dobbiamo convincere il cervello intermedio e quello antico, oltre che il cervello recente.

I Siti web più efficaci sono quindi quelli che utilizzano tecniche avanzate di persuasione psicologica e che sono in grado di parlano a tutti e tre i cervelli e a far vedere esattamente quanto i nostri tre cervelli vogliono vedere o apprezzano: forme, colori, testi, immagini, pulsanti.
Ecco cosa dovrebbe fare il nuovo web marketing!

giu 24

Vuoi aumentare il tuo fatturato ma non sai come? Vorresti che la tua casella di posta elettronica fosse sempre piena di nuovi contatti? Se la risposta è “Sì” c’è solo una cosa da fare: definire un piano strategico di web marketing. “Di che cosa?” …vi starete chiedendo.

Si è concluso ieri il Corso di Web Marketing base presso la Camera di Commercio di Pisa e, dopo l’entusiasmo dimostrato da parte dei partecipanti e, perchè no, anche da parte nostra, continuiamo il percorso formativo con il Corso di Web Marketing Avanzato.

Quindi, se siete un’impresa, un libero professionista o una piccola/grande azienda e volete approfondire certe tematiche, dal 6 al 7 Luglio 2011 la Camera di Commercio di Pisa in collaborazione con la nostra web agency, Marketing Informatico, organizzano il “corso di formazione di Web Marketing avanzato” mirato ad approfondire gli aspetti più pratici per l’attività online di qualsiasi azienda.

Verranno specificatamente affrontati temi come La visibilità attraverso i motori di ricerca, i modi in cui essere primi nelle risposte date dai motori di ricerca, La pubblicità su Internet che consiste in campagne pubblicitarie online dalle diverse varianti: dal viral marketing all’article marketing fino all’ultima frontiera rappresentata dalle innovative e proficue piattaforme dei social network come Facebook, Twitter, You Tube. E infine la sezione del Mail Marketing, ovvero come pianificare e gestire un’azione di mail marketing partendo dalla gestione dei dati sensibili.

Di seguito i punti salienti del programma didattico delle due giornate:

- Strategie ed innovazione di prodotto

- Brand: il valore e la forza

- Il Marketing One to One online ed il mail marketing

- Posizionamento ed i Tool come strumenti pratici del web

- Google Analytics

- Come funziona il Pay per Click

- L’uso dei CMS e l’impatto su Google

- I Social Network ed il Web 2.0

 

Nota Bene: anche se non hai partecipato al Corso di Web Marketing Base ma ti senti pronto in materia, potrai comunque partecipare al corso di Web Marketing avanzato!

 

E’ proprio in questo percorso didattico che c’è la missione dell’agenzia Marketing Informatico. Da anni siamo specializzati in questo settore e il nostro unico scopo attraverso il web è trovare nuovi/potenziali clienti ai nostri clienti. Non è paradosso ma una realtà che si concretizza tutti i giorni nei nostri uffici. Partendo da uno strumento molto efficace, come un sito web, riusciamo a trasformare una vetrina aziendale virtuale in una produttrice di nuovi contatti con un ritorno veloce degli investimenti.

Per ricevere maggiori informazioni e iscrizioni visita la pagina web della Camera di Commercio di Pisa.


mag 30

Marketing Informatico, in collaborazione con Promec, società della Camera di Commercio di Modena che si occupa di promozione internazionale per piccole o medie imprese, organizza il 9 giugno a Modena,  il corso “E-Commerce strategie di vendita online”.

Un’intera giornata dedicata al commercio elettronico, durante la quale si prenderà in esame come realizzare un e-commerce e quali siano i modi migliori per darne visibilità.
A partire da casistiche reali, gli esperti analizzeranno il mondo delle vendite online, dando consigli e suggerimenti per la gestione degli e-commerce.

Il corso è diviso in due momenti: la prima parte, “Il progetto E-Commerce”, prevede l’analisi della piattaforma da utilizzare, della gestione dei lavori interni al team e del ruolo rivestito dalla web agency. Successivamente si cercherà di esaminare la promozione dell’e-commerce attraverso gli strumenti del web marketing: le campagne AdWords, Mail Marketing, Article Marketing, i motori di comparazione prezzi, sono tutti mezzi utili per aumentare le vendite e rendere visibile sui motori di ricerca il proprio sito.

Il corso è rivolto a tutte le aziende che già operano online e che vogliono aumentare il loro fatturato, e a tutte le aziende che sono intenzionate ad aprire il loro negozio online.

Il corso è tenuto da Dario Tana, esperto di e-commerce, che ha un’esperienza quindicennale di gestione interna di siti di commercio elettronico di medie e grandi dimensioni. Saranno presentate case history ed esempi concreti.

Per confermare la tua presenza al corso chiama il referente di PROMEC Dott. Franco di Marzio
telefono 059 20.83.59.


Il relatore:


Dario Tana è un analista programmatore e responsabile dei progetti e-commerce di Marketing Informatico. E’ un esperto di commercio elettronico che da 15 anni si occupa di seguire progetti di successo. Ha effettuato diversi seminari in Italia e a San Marino sullo stato del commercio elettronico. Fra le aziende che ha seguito Giacomellisport, Oliviero e, attualmente Electronics, Gruppo Euronics di San Marino. Inoltre ha collaborato con Promozione Alberghiera Rimini, Apse Camera di Commercio di San Marino e Accademia Informatica Rimini.