Scheda prodotto

Come creare una scheda prodotto efficace

Oggi vi voglio parlare della scheda prodotto. Per farlo però parto da una metafora.

Immaginate di entrare in un negozio e trovarlo buio, sporco, con merce ammassata alla rinfusa, prezzi non chiari e personale scontroso. Non so voi ma io uscirei immediatamente, senza neanche provare a cercare quello che mi interessa.

Al contrario se trovo un ambiente luminoso e accogliente, con personale disponibile, ma non invadente, prodotti disposti in maniera ordinata e prezzi chiari, una volta trovato quello che mi serve rimarrei volentieri in quel negozio, e magari tornei a casa con qualche acquisto in più rispetto a quello che mi ero prefissato.

I concetti sopra riportati valgono anche per un e-commerce, in particolare per la scheda prodotto: semplicità, chiarezza, e possibilità di chiedere assistenza in caso di bisogno sono elementi indispensabili per fidelizzare l’utente.Site map

L’importanza della scheda prodotto

Ogni e-commerce, a prescindere dalla tipologia di prodotti che vende, segue uno schema semplice:

  • homepage che è la vetrina del negozio;
  • categorie che servono come scaffali;
  • Scheda che presenta il prodotto.

A differenza del negozio fisico però non abbiamo il prodotto tra le mani, quindi è necessario fornire all’utente il maggior numero di informazioni possibile, cercando di esprimerle in maniera esaustiva e persuasiva, in modo da portarlo a concludere l’acquisto senza ripensamenti. A questo serve la scheda prodotto.

Scheda prodotto: Must Have

Innanzitutto va fatta una considerazione: spesso gli utenti arrivano al prodotto senza passare per la homepage o le categorie dell’e-commerce, quindi è ancora più importante essere accoglienti, presentando anche il negozio e chi ci lavora.

Ecco gli elementi che non possono mancare in una scheda prodotto:

  • Titolo
  • Descrizioni
  • Foto e Video
  • Configurazioni
  • Prezzi
  • Disponibilità prodotto
  • Aggiungi al carrello
  • Aggiungi alla wishlist
  • Garanzie e Metodi di Pagamento
  • FAQ
  • Prodotti raccomandati (Cross Selling/Up Selling)
  • Social Proof/Recensioni

Titolo

Solitamente si sottovaluta l’importanza del titolo della scheda prodotto, si scrive il nome del prodotto e si passa ad altro. È invece fondamentale studiarlo in ottica SEO, utilizzando keyword specifiche e meta tag ottimizzati, cercando anche di renderlo accattivante ed esaustivo.

titolo scheda prodotto

Descrizioni

Come già detto le descrizioni delle schede prodotto sono fondamentali. Non potendo “toccare con mano” l’utente vorrà sapere tutto sul prodotto. Questo non significa riempire in maniera esagerata la pagina di informazioni, ma organizzarle in maniera chiara e dettagliata.

La descrizione della scheda prodotto “breve” per esempio, da molti non utilizzata, è invece un annuncio pubblicitario importante, che in poche parole spiega il beneficio del prodotto.

descrizione scheda prodotto

La descrizione approfondita invece deve essere completa e togliere ogni dubbio sul prodotto. Anche prestare attenzione alla tipologia di consumer, in particolare se ci rivolgiamo a un mercato di appassionati (esempio: abbigliamento moto o videogiochi), scrivendo descrizioni studiate ad hoc e utilizzando terminologia adeguate, può rivelarsi una mossa vincente.

Per aiutare l’utente è molto utile aggiungere alla scheda prodotto manuali, schede tecniche e guide (come quelle delle taglie per l’abbigliamento).

È fondamentale utilizzare contenuti originali che vengono premiati dai motori di ricerca, a differenza di quelli copiati da altri siti che penalizzano la scheda prodotto.

descrizione scheda prodotto

Foto e Video della scheda prodotto

Su questo punto punto c’è poco da dire: le immagini sono fondamentali per un e-commerce, devono catturare l’attenzione dell’utente e mostrare il prodotto da ogni punto di vista.

Immagini curate che evidenziano anche dettagli del prodotto aiuteranno a superare ogni resistenza. È fondamentale avere le foto del capo di abbigliamento in diversi colori, così da mostrare subito il risultato durante la configurazione del prodotto. L’inserimento di un video convincerà anche gli utenti più scettici.

immagini scheda prodotto

Prezzo e configurazioni

È indispensabile mostrare i prezzi in maniera chiara ed evidente , soprattutto se si offrono prezzi concorrenziali. Evidenziare bene lo sconto, il prezzo e il risparmio aiutano a mostrare meglio l’offerta e concludere più velocemente l’acquisto.

Un campo quantità ben evidenziato stimola l’aggiunta di prodotti, in particolare per quelli che possono essere utilizzati frequentemente (vedi integratori).

L’aggiunta dei bottoni -/+ facilita l’incremento ed è di grande utilità per riempire il carrello.

Discorso diverso vale per il mondo della moda, dove il campo quantità non è quasi mai presente e i prezzi, soprattutto nel luxury, vengono meno evidenziati, per lasciare maggior spazio alla scelta del colore e delle taglie, fondamentale in questo settore.

prezzo scheda prodotto

Aggiungi al carrello, disponibilità prodotto e Wishlist

La CTA (call to action) “Aggiungi al Carrello” deve attirare l’attenzione dell’utente: tutta la scheda prodotto è costruita in funzione di questo elemento che deve essere cliccato per far sì che tutto il lavoro fatto sia stato speso bene.

Deve saltare subito all’occhio, il colore richiamare l’attenzione, e il testo deve essere adatto anche alla tipologia di utente che naviga il sito (per questo fare degli A/B test utilizzando strumenti specifici è molto importante).

La disponibilità del prodotto deve essere chiara e visibile, non c’è niente di peggio per un utente che aggiungere un prodotto al carrello e veder apparire un messaggio di articolo esaurito.

La CTA “Aggiungi alla Wishlist” è molto utilizzata nel settore moda, ma secondo me è sempre buona regola aggiungerla in ogni tipologia di prodotto senza però darle troppo risalto ricordando, che il nostro obiettivo è far aggiungere il prodotto al carrello.+

aggiungi al carrello scheda prodotto

Garanzie, metodi di pagamento e recensioni delle scheda prodotto

Un utente non cerca solo informazioni sul prodotto, ma vuole anche sapere dove si trova e con chi ha a che fare. Come dicevamo spesso gli utenti arrivano direttamente sulla scheda prodotto da un motore di ricerca o da un link esterno quindi potrebbero non conoscere l’e-commerce.

Fornire informazioni come disponibilità del prodotto, tempi e costi di spedizione, modalità e sicurezza di pagamento, danno credibilità al sito e tranquillizzano l’utente.

Una sezione FAQ, relativa al prodotto o con informazioni generali su spedizioni, tempi di consegna e resi, aiuta a risparmiare tempo e riduce il rischio che l’utente si perda in altre pagine del sito.

Inoltre le recensioni, soprattutto se affidate a servizi esterni e affidabili (come Feedaty e Trustpilot), aumentano il senso di sicurezza e forniscono un’ulteriore spinta alla conversione.

Anche le social proof, che mostrano foto e opinioni degli utenti ricavate da facebook o Instagram, possono aiutare a ottenere fiducia e creare un senso di comunità, purché non portino fuori dalla scheda prodotto e compromettano l’acquisto.

Inoltre l’aggiunta di Chat integrate o servizi collegati a WhatsApp denotano attenzione nei confronti dell’utente, e la volontà di aiutarlo a fugare ogni suo dubbio.

garanzia scheda prodotto

 

Up selling e Cross selling nella scheda prodotto

Una volta che abbiamo l’attenzione dell’utente dobbiamo assolutamente utilizzare le sezioni upselling cross selling.

Un prodotto upsell appartiene alla stessa categoria di quello che stiamo guardando, costa di più ma è di qualità superiore (o è meglio accessoriato) .

Il prodotto cross sell invece “completa” quello che vediamo nella scheda prodotto (un obiettivo o una custodia per la macchina fotografica ad esempio), e best practice vuole che siano prodotti ad alta marginalità, che sfruttano la propensione del cliente all’acquisto in quel determinato momento.

Si possono anche creare pacchetti personalizzati che spingano il cliente a riempire il carrello.

Queste relazioni vanno però studiate con attenzione, soprattutto se associate a prodotti di punta. Per gli e-commerce con un ampio catalogo e grandi volume di traffico esistono servizi che aiutano nella gestione di questi prodotti, come Clerk.io, che tramite un sistema avanzato di monitoraggio e intelligenza artificiale aiuta nella creazione di gruppi up sell e cross sell efficaci.

Mobile First

Ormai l’80% del traffico di ogni e-commerce arriva da mobile quindi sono indispensabili alcune accortezze per non rischiare che l’utente che naviga la scheda prodotto si trovi in pagina troppe informazioni prima di arrivare all’opzione aggiungi al carrello. Ecco alcune soluzioni indispensabili.

Mostrare più elementi possibile nel Primo screen

È meglio mostrare subito le informazioni più importanti della scheda prodotto senza far fare lo scroll. Valutare quali sono gli elementi fondamentali (titolo, foto, prezzi, sconti) e farli visualizzare subito attira l’attenzione dell’utente.

mobile scheda prodotto

Gallery touch

Soprattutto negli e-commerce di moda, dove le foto ricoprono un ruolo fondamentale, è utile comprimere le immagini della scheda prodotto in gallery che si possono scorrere con uno swipe, così da dare la giusta importanza alle immagini e lasciare il giusto spazio alle altre informazioni.

Utilizzare Anchor Link e Tab

Per migliorare l’usabilità della scheda prodotto può essere utile creare anchor link, che rimandano a sezioni specifiche (Descrizione, FAQ), così da rendere le informazioni immediatamente raggiungibili.

Inoltre comprimere alcune informazioni in delle tab aiuta a risparmiare spazio senza compromettere l’usabilità.

link ancora scheda prodotto

Conclusioni

In questo articolo ho presentato alcune best practice per una scheda prodotto ottimale, ma ogni e-commerce è un mondo a parte. Durante la progettazione e realizzazione di un negozio online possono nascere nuove esigenze di personalizzazione su misura ed è qui che entra in gioco la bravura dell’agenzia che ti supporta nel consigliarti la miglior soluzione per la scheda prodotto adatta al tuo business.

Torna su