Visite: Facebook conta solo il 2%

I SOCIAL CONTANO POCO QUANDO GUARDIAMO I DATI DI ACCESSO.

dati facebook ancora negativiUna delle domande che mi fanno sempre i clienti riguarda le migliori modalità per incrementare il traffico all’interno dei siti. Cosa devo fare per aumentare le visite? Vorrei fare molto Facebook. Devo fare il PPC? Qualche giorno fa ho visto questa nuova ricerca fatta negli Stati Uniti così ne approfitto per pubblicare questo post riassuntivo.

Dall’analisi effettuata (anche in USA) perché questi dati valgono anche per il mercato italiano il 50% delle visite arriva dalle attività di tipo SEO. I Social contano solo per il 2%.

Farei una certa distinzione tuttavia fra attività di E-Commerce e attività “di leads generation” ovvero per ottenere contatti da clienti potenziali. Nonostante tutto e nonostante il fatto che ogni “categoria merceologica” e brand potrebbe avere diverse distribuzioni il dato è senza dubbio molto interessante quando lo si legge aggregato.

Diveri fattori influenzano quindi le visite a seconda dei canali e diversi fattori influenzano anche le vendite. Tuttavia è molto utile effettuare dei paragoni per poter avere una visione d’insieme che ci permette di fare le giuste valutazioni.

Il collega americano ha preso in considerazione 30 diversi siti web in diversi segmenti e ha effettuato un’aggregazione dei dati per comprendere le visite nei diversi settori. Nel corso di un anno sono state prese in considerazione 310 milioni di visite in totale. Un buon numero quindi!

Il dato è il seguente:

distribuzione visite dati analizzati su 310 milioni di accessi

LA RICERCA NATURALE HA PORTATO QUASI LA META’ DI TUTTE LE VISITE
I SOCIAL NETWORK PORTANO POCHISSIMO TRAFFICO AI SITI: IL 2%

L’analisi effettua dimostra quindi che il SEO determina la maggior parte delle visite al sito (rispetto ai Social non c’è storia quindi) In particolare il 47% di tutte le visite. I referrals ovvero i siti di terze parti  portano il 15% del traffico al sito mentre il social di cui tanto si parla non solo negli USA ma anche qui in Italia porta solo il 2% delle visite.

Quando poi segmentiamo per canali e andiamo a vedere i singoli settori la ricerca ci dice che: l’elettronica, intesa come vendita online ed educational mostrano le stesse distribuzioni di traffico condividendone il dato ovvero il 53-56% del traffico proviene dalle attività SEO.

Per quanto riguarda il settore bancario e finanziario  è interessante notare come la maggior parte delle visite riguarda gli accessi diretti, forse perché le banche fanno poco SEO e preferiscono canali pubblicitari diversi o forse  probabilmente a causa di una maggiore percentuale di accessi fatti da utenti che entrano dall’home banking o da piattaforme di trading.

Nei viaggi invece anche se il SEO porta la maggior parte del traffico notiamo che la ricerca a Pagamento (PPC) ha aumentato notevolmente la propria importanza (sarà felice Google), sia perché la competizione è forte e diventa ogni giorno più dura, sia perché storicamente questo è il settore più importante (in Italia supera il 51% rispetto agli altri segmenti) nel quale si scontrano sia i big che le piccolissime aziende.

La nostra analisi dice che con il  18% del traffico a pagamento quest è il settotre che investe di più se paragonato agli altri settori presi in esame.

visite che portano traffico ai siti suddivise per categorie

CONFRONTA IL TUO SETTORE

La distribuzione del traffico è influenzata da molti fattori sia online che naturalmente offline (alcune aziende iniziano a fare pubblicità in televisione e questo influisce moltissimo sulla distribuzione degli accessi), ma questa ricerca serve da “benchmark” per poter fare dei paragoni.

Pertanto nonostante tutto il SEO è ancora il fattore più importante per le aziende che credono nel mercato online. E di questi tempi è difficile trovare anche in Italia qualcuno che non ci creda.

Anche tu hai bisogno di aumentare le tue visite? Contattaci ti forniremo risultati concreti, esperienza nazionale e internazionale e soprattutto visite. Molte visite! Chiama il numero verde 800 031945

Condividi:

Written by

Marketing Informatico è un'agenzia web specializzata nell'aumento delle vendite per i propri clienti.

4 Commenti su “Visite: Facebook conta solo il 2%

  1. Il dato si riferisce alle visite giusto? Avete dei dati invece relativi alle conversioni? il mio è un e-commerce, piccolo a dire il vero, ma non riusciamo a vendere molto. Suggerimenti?

    • Ciao Alice, a livello di conversioni i dati che ho in mio possesso e che si riferiscono ad alcune ricerche fatte a livello europeo e italiano parlano di un 1-2 % di fatturato

  2. Quindi come utilizzo al meglio i social se non per vendere e promuovere i prodotti? il mio consulente mi ha sempre consigliato di fare pubblicita in facebook

  3. Ciao Alessandra, Facebook, come gli altri social sono “luoghi” in cui le persone dialogano, si scambiano opinioni, consigli, emozioni, esperienze.
    Per tale motivo utilizzare i Social come luogo in cui pubblicizzare i propri prodotti/servizi è strategicamente una forzatura. Mi spiego maeglio i dati sulle visite di facebook e degli altri social ci dicono che le persone vogliono dialogare con le aziende ma non sopportano la pubblicità.
    Pertanto è un lugo in cui coltivare il post vendita, piuttosto che il servizio di customer care.
    Dialogare è l’imperativo. Fidelizzare è l’obiettivo.
    Se vogliamo invece pubblicizzare per vendere e fare new business conviene utilizzare le tecniche SEM: Search Engine Marketing. In Google le persone cercano notizie e prodotti. E’ in Google che pubblicizziamo i prodotti, mentre nei Social creiamo collegamenti con i clienti.

Tu cosa ne pensi? Inserisci il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>