Colori: significante e significato

PSICOLOGIA DEL COLORE: “Quando anche il colore diventa un veicolo per trasmettere informazioni e contenuti”

Facciamo comunicazione ogni volta che un nostro messaggio, in qualsiasi forma esso si presenti, arriva all’altro. Esistono dunque moltissime forme di comunicazione: diretta o indiretta, implicita o esplicita, involontaria o intenzionale, verbale non verbale e scritta, intra ed interpersonale, pubblica, mediatica, conscia ed inconscia, e potremmo continuare fino a compilare una lunga lista.

La comunicazione presuppone l’invio di una molteplicità di informazioni e segnali che vengono colti ed elaborati solo in minima parte a livello cosciente. La comunicazione è composta da un’ampia varietà di linguaggi diversi che si intersecano, si compenetrano e si fondono per dare vita ad un messaggio che viene ricevuto ed elaborato dal nostro sistema percettivo, cognitivo ed emotivo.

Ciascun linguaggio, sia esso verbale o non verbale, è costituito da un nucleo fondamentale entro cui si intrecciano due concetti tra loro interdipendenti: il significante ed il significato.

Il significante è la forma assunta dal linguaggio utilizzato mentre il significato è il suo contenuto.

Quando il bambino dice “pappa” la parola “pappa” è il significante, la forma convenzionale attribuita a ciò che sta dentro al piatto fumante; il significato è che la mamma si avvicini al bambino con quel piatto in mano.Complichiamo ulteriormente la questione.

LIVELLI DEL LINGUAGGIO

Ciascun linguaggio è articolato su tre livelli:

  1. Grammaticale
    La parola “p-a-p-p-a” è propria della lingua parlata. Se il bimbo fosse inglese direbbe “mush”, se fosse francese “pap”, se fosse spagnolo “papilla”, e via di seguito.
  2. Semantico
    Il modo in cui il bambino pronuncia la parola “pappa” sta ad indicare se ha fame, è  incuriosito, è disgustato, e ci rende in grado di anticipare se la mangerà o meno.
  3. Pragmatico
    Il bambino potrebbe pronunciare la parola “pappa” accompagnandola con il ditino puntato per indurci all’azione di nutrirlo.

Trasferiamo ora questi principi fondamentali al linguaggio del colore.

Il significante “rosso” è la parola che nella lingua in uso viene convenzionalmente utilizzata per indicare descrivere quel concetto. Diciamo dunque con Shakespeare “Ciò che noi chiamiamo con il nome rosa, anche se lo chiamassimo con un altro nome, serberebbe pur sempre lo stesso dolce profumo”

Il significato “rosso” è ciò che evoca il suono di quella parola come conseguenza delle associazioni individuali (sangue, passione, pericolo, ecc…). Tali associazioni possono essere personali ma possiedono comunque una base socialmente condivisa.

Quanto ai tre livelli precedentemente citati:

Il livello grammaticale del colore rosso è dato dal fatto che chiunque guardi identifica quella precisa intensità della radiazione luminosa come colore rosso. (Escludiamo dal discorso le patologie della percezione del colore come ad esempio daltonismo, discromatismo, ecc…).
Il livello semantico è il modo in cui il colore viene disposto o distribuito sul foglio, sulla tela, sul cartellone, o sulla pagina web.
Il livello pragmatico è l’effetto ottenuto sul fruitore attraverso l’utilizzazione di quel colore anzichè di un altro.

Ma continuiamo ad approfondire le questioni.
Il linguaggio dei colori, così come qualsiasi altro tipo di linguaggio, possiede due funzioni essenziali:


  • La funzione comunicativa
    attiene all’intenzione precisa ed evidente di trasmettere in modo universale ed univoco informazioni, istruzioni, divieti, influenze comportamentali.

Un esempio lampante è quello dei segnali stradali in cui il significante è associabile inequivocabilmente ad un solo significato.


  • La funzione espressiva
    è invece personale, è il linguaggio che ciascuno usa per esprimere le proprie emozioni, è il significante che può declinarsi a più significati. Questo tipo di comunicazione sarà tanto più efficace tanto più sarà in grado di approssimarsi ad un significante universale o socialmente condivisibile.

     

    Le due funzioni sono coesistenti e compresenti in qualsiasi atto comunicativo e la maestria nel padroneggiarle secondo le leggi dell’uso inconscio della psicologia del colore è ciò che permette di costruire una comunicazione interpersonale, affettiva, professionale, o commerciale massimamente efficace.

Dott.ssa Alice Pari


- “Contattaci per sapere come usare
queste conoscenze per
la realizzazione del tuo sito web“- .

Condividi:

Written by

Marketing Informatico è un'agenzia web specializzata nell'aumento delle vendite per i propri clienti.

2 Commenti su “Colori: significante e significato

  1. Non a caso si parla di terpia cromatica (con i colori): ogni colore ha una sua vibrazione (quì entriamo nella fisica quantistica).
    Del resto già da tempo la pubblicità professionale si avvale di professionisti della persuasione tra cui psicologi.
    Complimenti alla d.sa Alice Pari che ha messo in evidenza il comportamento umano “inconsapevole” dettato dall’inconscio che influenza le nostre scelte.

Tu cosa ne pensi? Inserisci il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>