Google sfida i Social Network

La sfida di Google ha inizio. Il gigante americano non dorme mai. Così tra un’idea e l’altra, ecco Google approdare nei social network. Infatti è in trattative con alcuni produttori di giochi popolari online per sviluppare un servizio più ampio di social-networking da poter competere con un altro gigante mondiale, Facebook Inc. La prima fase vede coinvolti Playdom Inc., Electronic Arts Inc. ‘s Playfish e Zynga Game Network Inc., quest’ultima una società in cui Google di recente ha assunto una partecipazione finanziaria. Non è ancora chiaro quanto Google potrebbe lanciare la sua offerta di gioco.


I piani non sono ancora definiti ma le voci di corridoio che girano parlano di giochi facenti parte di un’ampia iniziativa di social networking in fase di sviluppo a  Mountain View, in California. In un’intervista di questa settimana, lo Chief Executive di Google, Eric Schmidt, ha voluto confermare lo sviluppo di un servizio di social-networking che compre giochi di società dal nome “Google Me”. Quando è stato chiesto se il servizio di Google potrebbe somigliare di Facebook, Mr. Schmidt ha detto che “il mondo non ha bisogno di una copia della stessa cosa.”

Così questo social Google  rappresenta l’ennesimo tentativo da parte del comparto web marketing di catturare gli utenti e milioni di dollari di pubblicità, sempre più provenienti da soluzioni social networking, vedi Facebook, Twitter Inc. e altri.

Non è un caso che Google abbia messo gli occhi sui giochi social, una vera e propria fonte di guadagno che Facebook sta sperimentando sui suoi milioni di profili: infatti il boom del gioco social è evidente in Farmville, la fattoria virtuale con più di 60 milioni di utenti attivi ogni mese. Proprio per questo motivo si stanno cercando di sfruttare nuove fonti di crescita.

Ad esempio la Walt Disney Co. ha acquisito Playdom per 563.200.000 $ con l’aggiunta di $ 200 milioni in più se vengono raggiunti obiettivi di rendimento. Proprio l’amministratore delegato di Disney in un’intervista ha detto che: “per raggiungere i consumatori in un paesaggio sempre più frammentato e con media differenti bisogna mettere il prodotto su dispositivi in cui la gente arriva liberamente”.

Lo scorso febbraio Google ha già fatto la sua incursione nel social networking con il prodotto di Buzz che porta aggiornamenti sociali tramite fotografie, collegamenti gmail. Il servizio di social-networking in esame avrebbe incorporato Buzz e studiato soluzioni per andare al di là. Alla domanda su partnership di Google con Zynga, Mr. Schmidt ha detto che “non abbiamo annunciato”, ma “ci si può aspettare una partnership con Zynga” in futuro.

Google possiede anche Orkut, un servizio di rete sociale che è popolare solo in alcuni paesi.
La crescita di Facebook e la sua potenziale minaccia per Google è uno dei temi più caldi in discussione dai dirigenti di tecnologia nella Bay Area. Molti utenti si affidano a loro amici su Facebook, non solo Google, alla scoperta di contenuti e prodotti che possono acquistare su Internet. E gran parte dei contenuti generati dagli utenti su Facebook è generalmente tenuto fuori dalla vista del motore di ricerca di Google.

Negli ultimi dodici mesi, molti ex dirigenti di Google che gestivano la società di pubblicità  sono passati a Facebook. Ora con oltre 500 milioni di utenti, Facebook vende pubblicità sul proprio sito. Ma la speculazione è in crescita e si potrebbe lanciare una rete pubblicitaria attraverso altri siti, rivaleggiando con Google AdSense.

Condividi:

Written by

Marketing Informatico è un'agenzia web specializzata nell'aumento delle vendite per i propri clienti.

Tu cosa ne pensi? Inserisci il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>